Martina Rini si è laureata in Architettura (106/110) presso lo IUAV di Venezia ed è stata iscritta all’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori fino al 2005.
Ha svolto attività libero professionale e in collaborazione con altri studi tra cui: Studio Salvador Perrez Arroyo (Madrid), Venice in Peril (Restauro Casa San Giobbe, Venezia – arch. Mario Piana). L’intervento di restauro è stato presentato alla Biennale di Venezia – 13ma Mostra Internazionale di Architettura 2012 “Common Ground”, direttore David Chipperfield.

Nel 2002 – dando spazio ad altre sue profonde passioni quali scrittura, editoria ed organizzazione di eventi – ha cofondato la società DOLP_dove osano le parole, all’interno della quale è Responsabile Progetti e Pubbliche Relazioni.

Attualmente si occupa di Comunicazione in Ambito Sanitario e di Organizzazione Eventi Medici-Scientifici per enti pubblici e strutture private.
È responsabile Comunicazione e organizzazione di Eventi per alcune aziende.
È Responsabile Comunicazione per Woman Clinic – poliambulatorio dedicato alla Donna e alla Coppia.

Ha fondato il trimestrale VIEWmagazine, di cui è stata Direttore Editoriale. Come redattrice ha intervistato architetti, designers, imprenditori, medici chirurghi, presidenti di associazioni e istituzioni, scrittori, artisti, fotografi tra cui Vico Magistretti, Alessandro Mendini, Alvaro Siza, Tadao Ando, Steven Holl, Toyo Ito, Piero Sartogo, Micha De Haas, Aldo Cibic, Cleto Munari, Anna Gili, Luca Tomasi, Rino Mastrotto, Gianni Maitan, Giuseppe Maria Ricchiuto, Roberto Coin, Elsa Viora, Giancarlo Stellin, Alessandro Frigiola, Renato Miracco, Alessandro Cecchi Paone, Renata Pisu, Stanislao Nievo, Nanda Vigo.

È autrice dei libri:
Trent’anni sottobraccio alle donne (Monografia aziendale, Francesco Biasia, 2007, ita/eng)
Quello che le borse raccontano (Catalogo Mostra, La Triennale di Milano, 2007)
What bags narrate (Catalogo mostra, Beijing, New York, Tokyo, 2008)
AVIT – La storia di un viaggio lungo sessant’anni (Monografia aziendale, 2010)
Flori – Maddalena Campiglia (2012)

Ha frequentato corsi di Storytelling presso la Scuola Holden – Torino. Attualmente sta frequentando un corso di letteratura femminile tenuto da Rossana Campo

Ha organizzato mostre ed eventi, in importanti luoghi deputati all’Arte e alla Cultura tra cui: La Triennale (Milano), Sanlitun Soho (Pechino), Istituto di Cultura Italiana (New York), Istituto di Cultura Italiana (Tokyo), Shiodome Italia (Tokyo), West Bund (Shanghai), Basilica Palladiana (Vicenza)

Per due trienni, è stata consigliere nel Direttivo del Gruppo di Studio Comunicazione e Marketing  per CPV – Centro Produttività Veneto.
Ha coperto la carica di Governatrice Cina per IWW (Italian Women in the World) per il triennio 2009-2012.
Nel 2010, è stata una delle 14 fondatrici di WJA-Italy, sotto la presidenza di Irene Pivetti. (Women’s Jewellery Association)

Parla inglese, francese e spagnolo
Ha due figli, Lodovico e Diletta, e due cuccioli pelosi: Bianca ed Hermann.
Ha la passione per le macchine d’epoca (possiede un Duetto 1985, Spider Alfa Romeo), per il poligono di tiro e gli aerei ultraleggeri.